Trasporti in tilt grazie al solito sciopero del venerdì. In una Roma quasi deserta i disagi sono tutti per i turisti costretti a muoversi a piedi o in taxi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Questa volta almeno dovrebbe durare solo quattro ore. Stiamo parlando del solito sciopero del venerdì dei mezzi di trasporto a Roma. Dalle 8,30 alle 12,30 tanto per bloccare i turisti e quei pochi che ancora lavorano questi giorni in una Capitale deserta e, per questo, più vivibile. Lo sciopero è stato proclamato dall’Usb, l’unione sindacale di base e riguarda bus, filobus, tram, metro A, Be C, ferrovie regionali Termini-Centocelle, Roma-Civitacastellana-Viterbo e Roma-Lido. Per diminuire i disagi sono stati disattivati per l’intera giornata i varchi Ztl e quindi viene consentita la circolazione anche ai veicoli privi di permesso. Entro le 15 la circolazione dovrebbe tornare a pieno regime.  a comunicarlo è l’Agenzia per la mobilità. La normale circolazione dei mezzi viene ripristinata entro le 15. Nella stessa fascia oraria un altro sciopero è stato proclamato da Cgil, Cisl e Uil ma riguarda solo la rete dei bus gestita dalla società RomaTpl, che gestisce alcune linee periferiche.

AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE SULLO STATO DEL SERVIZIO A ROMA

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA