Rotto il Centrodestra sulla Rai. Da Silvio una mossa inspiegabile. Parla Storace, ex ministro del Cav: “Finito il ciclo di FI. Cambiare nome non salverà il partito”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Un boomerang che si ritorcerà contro Forza Italia. E tutto per un’opposizione, quella a Marcelo Foa candidato presidente della Rai, che non ha alcuna logica a meno che non la si voglia spiegare con logiche squisitamente partitocratiche”. È tranchant il giudizio di Francesco Storace sulla decisione di FI di non votare il presidente designato dal Cda di Viale Mazzini, accodandosi di fatto al Partito democratico e a Liberi e Uguali.

Lei come si spiega questa scelta?
“Non me la spiego. Ma c’è qualcosa che è ancora più grave”.

Cioé?
“Il campo scelto da Forza Italia per questa rottura è la Rai, cioè il presidio dell’informazione rossa”.

Quindi, a suo avviso una rottura insanabile?
“Beh, consideri la vicenda che riguarda direttamente Berlusconi e il Centrodestra: in tanti anni di coalizione c’è stata sempre grande lealtà nei suoi confronti. Che lui ora decida, da titolare di Mediaset, chi governa la Rai e chi no, è abbastanza curioso”.

Anche perché è arrivato il voto contrario a uno come Foa…
“Parliamo di un sovranista, di un giornalista di area di Centrodestra. E soprattutto parliamo di una persona perbene”.

Quindi?
“Foa ha la maggioranza del Consiglio di amministrazione, però non può fare il presidente a causa delle minoranze del Parlamento. È qualcosa che in qualunque parte del mondo non la spieghi”.

E a tutto questo ha contribuito Forza Italia…
“Opponendosi a Lega e Fratelli d’Italia e accodandosi a Pd e LeU. È inspiegabile, se non con le solite manovre partitocratiche”.

Tradotto: per una poltrona?
“Mi pare che sia l’Abc di Forza Italia. Posso dire che sia un fatto assolutamente naturale in quel partito. Il problema è che non si sono resi conto che hanno scatenato una tempesta che gli si ritorcerà contro. È un boomerang questa mossa”.

Si può parlare, secondo lei, di parabola? Gli ultimi sondaggi danno il partito di Forza Italia intorno all’8-9%…
“Diciamo che è la conclusione di un ciclo. È anche naturale, dopotutto: il prodotto viene a noia, soprattutto se ripeti sempre le stesse cose”.

Di chi è la responsabilità?
“Non può che essere innanzitutto di Silvio Berlusconi che ha fatto e disfatto il partito a suo piacimento. E alla fine è rimasto prigioniero del suo stesso cerchio magico”.

Alla fine decidevano loro per tutti?
“In pratica. Le faccio solo un esempio che mi riguarda direttamente: sono due anni che non ho il piacere di incontrare Berlusconi. E io ho fatto il ministro in un Governo di cui lui è stato presidente. Anche quando è stato ricoverato è stato impossibile sentirlo solo per  fargli gli auguri: non te lo passano”.

Vittima del suo stesso cerchio?
“L’hanno chiuso nella sua torre di Arcore ed è impossibile parlarci di politica, di calcio o di qualunque altro argomento. E diciamo che non è il biglietto da visita migliore per un leader”.

Ora però è stato annunciato il restyling del partito: Forza Italia lascerà il posto a L’Altra Italia. Può essere la soluzione del problema?
“È evidente che no: non basta cambiare il nome. Anche perché sarebbe una casa un po’ più piccola, una casetta. Può essere al massimo una garçonnière…”.

Inevitabile chiederle, a questo punto, come si immagina il Centrodestra dopo la parabola di Forza Italia.
“Salvini ha le carte in regola per prendersi tutto il Centrodestra. Però non sottovaluterei di qui a qualche tempo neanche Giorgia Meloni che si sta muovendo bene. Vedremo quello che potrà succedere. La partita è aperta”.