Baby sitter dell’orrore in Russia. Donna vestita di nero urlava “Allah akbar” con la testa mozzata di una bambina tra le mani: arrestata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Orrore a Mosca dove una donna è stata fermata con la testa mozzata di una bambina tra le mani, dopo aver gridato la frase “Allah Akbar” nelle vicinanze di una stazione della metropolitana. La vittima sarebbe una bambina con un’età tra i tre e i quattro anni. La donna, secondo le prime ricostruzioni, sembrerebbe essere la baby sitter della bimba.

Secondo LifeNews la donna, dopo aver assassinato la bimba, si sarebbe recata nelle vicinanze della stazione della metropolitana di Oktyabrskoye Pole, nella parte nordoccidentale di Mosca. La presunta assassina, completamente vestita di nero, ha immediatamente estratto la testa mozzata dalla sua borsa e iniziato ad urlare di avere ucciso la bambina. E’ stata arrestata quasi immediatamente grazie all’intervento di un agente. Yulia Ivanova, assistente superiore al capo del comitato investigativo di Mosca, ha detto che la donna risulta mentalmente instabile e che gli investigatori effettueranno una valutazione psichiatrica per determinare il suo stato di salute mentale.

FOTO DAL SITO: http://www.lifenews.ru/