Saccomanni scippa il controllo sulle paghe dei carabinieri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La legge di stabilità, oltre a quanti martedì sono scesi in piazza, spaventa i carabinieri. La possibilità che tutte le spese passino sotto il controllo del Mef non fa dormire sonni tranquilli ai militari, che hanno lanciato l’allarme tramite le loro rappresentanze. A provvedere alle diverse incombenze c’è ora il Centro nazionale e, se passerà la linea del passaggio di competenze al Ministero, gli uomini della Benemerita temono ritardi negli stipendi e nelle comunicazioni. Le rappresentanze di base dell’Arma si interrogano poi sul futuro impiego dei militari appartenenti allo stesso Centro Amministrativo e sono in corso vari incontri, al fine di tutelare il personale dell’Arma e fornire interventi urgenti in manovra di stabilità. Senza contare poi il solito blocco salariale, con appuntati che si vedono mancare duecento euro sullo stipendio. Le speranze su tale fronte sono però appuntate sulla Corte Costituzionale. La Consulta dovrà infatti pronunciarsi su un ricorso in cui viene paventata l’incostituzionalità del blocco che affama i militari.