Sale il bilancio dei medici morti a causa del Coronavirus, sono 63. Oltre ottomila gli operatori sanitari contagiati. La Federazione: “Servono dispositivi di protezione e più tamponi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E’ salito a 63 il bilancio dei medici che hanno finora perso la vita dopo essere stati contagiati dal virus Covid-19. A renderlo noto è la Federazione degli ordini dei medici (Fnomceo) che dall’inizio dell’emergenza Coronavirus aggiorna l’elenco dei camici bianchi deceduti. Mentre secondo gli ultimi dati resi noti dall’Istituto superiore di Sanità, aggiornati a ieri (disponibili qui), sono 8.358 gli operatori sanitari contagiati (595 in più rispetto a sabato). Per arginare la malattia tra gli operatori sanitari, per la Fnomceo è “importante proteggere in maniera adeguata i medici. E ciò non solo perché, se un medico si ammala, si smaglia la rete di assistenza ma anche perché se ciò accade il medico ammalato rischia, almeno fino a che non si manifestano i sintomi, di essere a sua volta veicolo di contagio per i pazienti”. La stessa Federazione chiede, perciò, “per tutti i medici e gli operatori sanitari, due interventi urgenti e inderogabili: che a tutti gli operatori sanitari siano forniti dispositivi individuali di protezione e che sia monitorato lo stato di salute di tutti i medici attraverso tamponi costanti, per intercettare subito ed isolare i medici infettati e i loro contatti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA