Salerno, il poker costa caro al clan Serino. Sono 21 gli arresti per interessi che variano dal narcotraffico alla gestione di sale scommesse

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Associazione mafiosa, estorsione, scambio elettorale politico-mafioso e altri delitti aggravati dalle finalità mafiose, nonché per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Con queste accuse sono state emesse 21 ordinanze di custodia cautelare a carico di 21 persone nella provincia di Salerno. Il provvedimento, emesso su richiesta della locale Procura distrettuale antimafia, è stato eseguito dai Carabinieri. Nel mirino delle indagini del Ros i presunti affari illeciti del clan camorristico sarnese dei “Serino”, che spaziano dal narcotraffico alla gestione di sale scommesse e videopoker. Accertato anche il sostegno elettorale fornito dal clan ad un candidato alle consultazioni amministrative del maggio dello scorso anno. L’operazione è stata denominata “Poker”.