Sallusti: con Renzi il Pd si è berlusconizzato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Alessandro Sallusti per Il Giornale

Matteo Renzi è bravo, molto bravo. È furbo, veloce, scaltro, doppio­giochista e un po’ bugiardo tanto quanto basta per essere un buon leader, soprattutto in politica. Detto questo proviamo a inforcare gli occhiali scuri e non farci abbagliare, almeno per una volta, dall’aureola accesa dalla grancassa mediatica amica e complice.

E allora diciamo che giovane, ovvio, Renzi lo è anagraficamente ma politicamente non ha inventato un bel nulla. Ha semplicemente studiato vent’anni di berlusconismo e lo ha riproposto in salsa sinistra: poca ideologia, grande e chiara parlantina, battute a gogò, tanto pragmatismo, amicizie e relazioni trasversali, senso del comando, mito dell’efficienza, grande ambizione e via dicendo.

Passa come innovatore per aver insediato una segreteria di giovani, soprattutto di giovani e belle donne. Sai che novità. L’ultimo governo Berlusconi è stato quello anagraficamente più giovane (e per questo venne anche criticato) con tante belle e brave ragazze: Meloni, Carfagna e Gelmini – tanto per citarne alcune- cosa avevano di meno delle attuali Renzi­ girl? Assolutamente nulla, semmai avevano, e hanno, più esperienza, politica e di vita.
Eppure nella classe dirigente del centrodestra c’è un dilagante e preoccupante clima di paura e soggezione: oddio cosa facciamo adesso che c’è Renzi in campo. Occhio. Non è Forza Italia che si deve renzizzare, è il Pd che si sta berlusconizzando.
Dopo vent’anni di tentativi a vuoto il popolo della sinistra ha trovato, forse, un suo Berlusconi, cioè un leader vero. O meglio: un pezzo della sinistra (una larga fetta del Pd resta ostile al suo segretario) al momento scommette su un berluschino. Il diminutivo è d’obbligo visto che il giovane sindaco deve ancora dimostrare di che pasta è fatto quando il gioco si fa duro (in casa e fuori).

Altro che paura o sensi di inferiorità. Forza Italia deve rivendicare con orgoglio di avere aperto la strada. Un nuovo modo di fare politica che è stato osteggiato e infangato per vent’anni e che Berlusconi ha pagato sulla sua pelle, con la sua libertà e con suoi non pochi soldi.

Renzi oggi dimostra che quella era la via giusta per modernizzare il Paese e il fatto che l’abbia imboccata anche lui è una vittoria, non un pericolo e tantomeno una sconfitta. Finalmente c’è concorrenza vera. Bisogna solo accelerare, stare concentrati e tenere la rotta. Ci sono sia la macchina che il pilota. E sono quelli originali (Forza Italia e Berlusconi), non le copie renziane. Non capisco che cosa temere.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA