Sanità, abolito il superticket sulle prestazioni diagnostiche e specialistiche. Speranza: “La norma che entra in vigore dal primo settembre”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ogni volta che una persona non si cura come dovrebbe per motivi economici siamo dinanzi a una sconfitta per tutti noi e a una violazione della Costituzione. Per questo a dicembre abbiamo approvato la norma che entra in vigore dal 1/o settembre. Il Superticket è abolito e nessuno lo pagherà più”. E’ quanto ha annunciato ieri il ministro della Salute, Roberto Speranza. Il provvedimento riguarda i 10 euro che i pazienti versano su ogni ricetta per prestazioni diagnostiche e specialistiche. Il superticket era stato introdotto come ‘tassa provvisoria’ nel 2011, durante il periodo della Spending review. L’abolizione, prevista nell’ultima manovra, è diventata legge il 23 dicembre con l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2020 da parte del parlamento e vale circa 165 milioni di euro nel 2020 e di 490 per gli anni successivi, tutte risorse extra Fondo Sanitario Nazionale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA