Sanità, Speranza: “Chiudere definitivamente la stagione dei tagli. Un errore dividerci immotivatamente sul rilancio e la riforma del Servizio sanitario nazionale”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Tutti avvertiamo l’urgente esigenza, dopo la fine del lockdown, di allargare e rilanciare il confronto politico, istituzionale e sociale. Serve un confronto a tutto campo, a partire dalle forze politiche presenti in Parlamento, con le professioni sanitarie, con il mondo scientifico, universitario e del volontariato”. E’ quanto ha detto, in aula alla Camera, il ministro della Salute, Roberto Speranza. “Una forte sinergia istituzionale e sociale – ha aggiunto – è la bussola che può consentirci di attraversare la tempesta che stiamo cercando di mettere alle nostre spalle. Sarebbe un errore imperdonabile, passata la burrasca, dividerci immotivatamente nell’azione di rilancio e riforma del nostro Servizio Sanitario Nazionale”.

“Abbiamo dinanzi a noi una sfida ambiziosa per i prossimi mesi – ha aggiunto il ministro della Salute -: trasformare una crisi così drammatica in una grande opportunità di ripartenza e di rilancio per l’Italia. Non è facile. Ma questa è la vera partita che deve giocare il nostro sistema Paese. Per me questo significa prima di tutto capire la più grande lezione: il Servizio Sanitario Nazionale è la pietra più preziosa che abbiamo. Oggi ne siamo tutti più consapevoli. Dobbiamo chiudere definitivamente la stagione dei tagli. Ogni euro speso per la salute è un investimento per il futuro del nostro Paese”.

“In 5 mesi – ha detto ancora Speranza – abbiamo investito più risorse degli ultimi 5 anni, ma per me è solo l’inizio. Serviranno molte altre risorse, provenienti da tutti i livelli. E’ indispensabile subito intervenire per recuperare a pieno regime le attività ordinarie sospese negli ultimi mesi in cui la lotta al Covid 19 ha impegnato larghissima parte delle energie del nostro Servizio Sanitario Nazionale e non ha consentito il regolare svolgimento di tutte le altre prestazioni che ora non sono più rinviabili. Oltre alle risorse saranno indispensabili le riforme. Dobbiamo avere il coraggio di cambiare e adattare il nostro Servizio Sanitario Nazionale al tempo nuovo che viviamo”.

A proposito dell’epidemia, Speranza, come aveva già affermato ieri al Senato, ha ribadito che il Covid-19, “anche se in forma ridotta e con una prevalenza di casi asintomatici, continua a circolare”, ma, tuttavia, c’è un aumento costante dei guariti, un calo di decessi e una riduzione della curva del contagio, con molte regioni “a zero o prossime allo zero”. “L’indice Rt – ha detto ancora l’esponente del Governo – è in tutta Italia sotto la soglia di 1. L’epidemia non si è conclusa, non è finita: ci sono ancora focolai di trasmissione attivi. Convivendo con il Covid, in una situazione in cui aumentano le attività e si liberalizzano gli spostamenti, ne deriva inevitabilmente il moltiplicarsi delle probabilità di ‘incontrare’ il virus. Per questo è ancora indispensabile il distanziamento, l’utilizzo delle mascherine, l’igiene personale, evitare gli assembramenti, restare a casa ed avvisare il medico immediatamente ai primi sintomi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA