Sbagliò la difesa degli operai, la Fiom Cgil deve risarcirli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Clemente Pistilli

Non devono pagare solo gli imprenditori. Se a sbagliare è il sindacato, è l’organizzazione che dovrebbe difendere i lavoratori a dover risarcire quest’ultimi. A mettere questo principio nero su bianco è stato il giudice civile del Tribunale di Torino, Bruno Conca, accogliendo il ricorso fatto da quindici operai. Inutili le spiegazioni fornite dalla Fiom Cgil torinese e il tentativo di scaricare sui lavoratori. Per il magistrato anche gli operai hanno contribuito al danno, per leggerezza, per essersi fidati troppo, ma la colpa del sindacato sarebbe abbastanza evidente e il risarcimento dovuto. Era l’estate 2009 quando la Flexider srl, azienda metalmeccanica di Torino, specializzata nella componentistica per auto, decise di ridimensionare la propria attività e inviò le comunicazioni con cui intimava il licenziamento a 25 dipendenti. Gli operai si rivolsero subito alla Fiom Cgil, che già prima di quelle lettere stava seguendo la situazione, e le diedero poi mandato per promuovere la vertenza e impugnare i licenziamenti, sicuri di spuntarla una volta davanti a un giudice del lavoro. Tra un rinvio e l’altro, soltando dopo un anno e mezzo ai lavoratori venne detto con chiarezza che i loro licenziamenti non era stato possibile impugnarli, essendo stata presentata la richiesta in ritardo. Tutta colpa del sindacato, che ha perso tempo, hanno subito sostenuto i lavoratori, facendo causa alla Cgil. Colpa degli operai, che hanno consegnato la documentazione in ritardo e dato l’incarico solo a voce, si è difeso il sindacato. Alla fine il giudice Conca non ha riconosciuto ai lavoratori gli 800 mila euro di danni che avevano chiesto, ma per i quindici che hanno fatto causa ha ordinato alla Fiom Cgil di risarcirli con somme oscillanti tra i 2.600 e i 5 mila euro. Per il giudice gli stessi lavoratori avranno commesso errori, ma il sindacato è responsabile, avendo “ingiustificatamente ritardato la stipulazione del contratto di mandato, che ben sapeva avrebbe dovuto essere conferito in forma scritta”. Poco o tanto gli operai qualcosa hanno ottenuto. Ma soprattutto è stato stabilito che se sbaglia il sindacato paga.