Scacco matto al boss di Gragnano. Arrestato il latitante Di Martino che gestiva il clan camorristico della zona

Reparto Mobile Polizia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Scacco matto al boss di Grangnano. Dopo due anni di latitanza finisce in manette il camorrista Antonio Di Martino
Finisce, dopo oltre due anni, la latitanza del boss della Camorra Antonio Di Martino. L’uomo è stato scovato dagli agenti a Gragnano nel napoletano, ossia nel territorio in cui opera il gruppo criminale da lui stesso gestito assieme al fratello Fabio. Stando a quanto emerge, il boss utilizzava un’abitazione, composta da un conglomerato di edifici, dotata di numerosi cunicoli grazie ai quali poteva accedere alla montagna e scappare tra la vegetazione. Proprio quanto ha provato a fare anche stanotte ma, questa volta, senza riuscire a farla franca.

Soddisfatto per il blitz il sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo, che si è complimentato con le Forze dell’ordine e ha parlato di “un successo che ancora una volta conferma le grandi capacità delle nostre istituzioni nell’azione contro le organizzazioni criminali”

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA