Scajola non è solo, ma… è male accompagnato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Spuntano nuovi indagati nell’inchiesta della Dda di Reggio Calabria che ha portato all’arresto dell’ex ministro Claudio Scajola. Lo si è appreso da fonti vicine all’inchiesta. La Dda, intanto, ha presentato appello al Tribunale del riesame contro l’esclusione dell’aggravante mafiosa nei confronti di Scajola e degli altri sette arrestati. I nuovi indagati, sull’identità dei quali c’è uno stretto riserbo, avrebbero ruotato, secondo quanto si è appreso, intorno alla cerchia di persone, tra le quali Scajola, che per l’accusa avrebbero agevolato la latitanza di Amedeo Matacena, l’ex deputato di Fi condannato a cinque anni per concorso esterno in associazione mafiosa.

Nel frattempo, si è detta estranea alle accuse Raffaella De Carolis, la mamma di Amedeo Matacena, nel corso dell’interrogatorio di garanzia davanti al giudice per le indagini preliminari di Reggio Calabria, Olga Tarzia. De Carolis, difesa dagli avvocati Giuseppe Verdirame e Corrado Politi, è detenuta agli arresti domiciliari per avere l’intestazione fittizia di beni del figlio e avere favorito la mancata esecuzione dell’ordine di carcerazione nei suoi confronti. Nel corso dell’ interrogatorio Raffaella De Carolis ha riferito al giudice di non essere a conoscenza delle attività delle società del figlio e di non sapere della nomina di nuovi amministratori. Sulla latitanza di Amedeo Matacena ha riferito di aver più volte invitato il figlio a rientrare in Italia per scontare la condanna.
Al termine dell’interrogatorio i difensori hanno depositato al giudice una memoria difensiva annunciando anche un’istanza per l’attenuazione della custodia cautelare. «Siamo fiduciosi – hanno detto gli avvocati Giuseppe Verdirame e Corrado Politi – nell’operato della magistratura. Il giudice è molto preparato, lucido e sereno nell’interpretazione delle norme. Riteniamo che durante l’interrogatorio la nostra assistita abbia chiarito la sua posizione». «La nostra assistita è in una condizione di sofferenza psicologica per quanto sta accadendo a tutta la sua famiglia» hanno detto inoltre all’Ansa gli avvocati difensori.