Schiaffo al Jobs Act da Standard & Poor’s. Bocciato il piano lavoro: non creerà occupazione. E ci taglia pure il rating: solo un gradino sopra il livello spazzatura

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Standard & Poor’s non perdona l’Italia. E abbassa il giudizio sul Paese, mandandolo a un passo dall’inferno. L’agenzia di rating taglia il merito di credito da BBB con outlook negativo a BBB- con outlook stabile. “Abbiamo notato che Renzi ha fatto alcuni progressi con il suo Jobs Act”, tuttavia “non crediamo che le misure previste creeranno occupazione nel breve termine. Come conseguenza il già elevato tasso di disoccupazione, potrebbe peggiorare fino a che non arriverà una sostenibile ripresa economica”. Queste le motivazioni. Secondo S&P, nel medio termine le misure sul lavoro creeranno una crescita solo dopo l’attuazione dei decreti attuativi. A rischio la sostenibiltà delle finanze pubbliche.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA