Sciopero trasporti il 16 settembre 2022: orari e motivazioni della protesta dei mezzi pubblici

Sciopero trasporti: una nuova protesta è stata programmata nella giornata di venerdì 16 settembre sul tutto il territorio nazionale.

Sciopero trasporti: continua la protesta del personale dei mezzi pubblici in Italia. Una nuova protesta è stata programmata per la giornata di venerdì 16 settembre 2022. La manifestazione riguarda ancora una volta le aggressioni che si registrano sui mezzi di trasporto nei confronti del personale di bordo.

Sciopero trasporti il 16 settembre 2022: orari e motivazioni della protesta dei mezzi pubblici

Sciopero trasporti il 16 settembre 2022: orari dello stop

Lo sciopero dei trasporti pubblici continua in Italia. Lo sciopero avrà luogo sul tutto il territorio nazionale nella giornata di venerdì 16 settembre 2022 “Sciopero nazionale di 8 ore venerdì 16 settembre nel trasporto pubblico locale”, fanno sapere unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Autoferro. Le proteste del personale vanno avanti “in considerazione delle violente e reiterate aggressioni a conducenti, controllori, capi stazione, addetti a traghetti e vaporetti, registrate su tutto il territorio nazionale negli ultimi mesi”.

Motivazioni della protesta dei mezzi pubblici

Nella nota congiunta ed ufficiale dei sindacati vengono evidenziate le motivazioni che sono alla base della protesta del personale. “Scioperiamo – spiegano le organizzazioni sindacali in una nota – di fronte a una situazione intollerabile su cui bisogna intervenire subito. A tutt’oggi non si è registrato alcun intervento a tutela del personale da parte dei datori di lavoro e neanche da parte del legislatore con specifici provvedimenti indirizzati a prevenire e scoraggiare le aggressioni al personale dei mezzi pubblici. Servono provvedimenti immediati – chiedono i sindacati – in assenza dei quali continueremo con forza a rivendicare la tutela di lavoratori e lavoratrici del trasporto pubblico locale”.

Leggi anche: Pensionati all’estero, i controlli dell’Inps si fanno più rigidi: cosa cambia e come funziona l’accertamento

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram