Scomparso il manager Riccardo Mancini. L’ex amministratore delegato di Eur Spa ed eminenza grigia negli anni di Alemanno in Campidoglio stroncato da un infarto. Condannato per tangenti, era stato invece archiviato nel processo su Mafia Capitale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un infarto ha strocato Riccardo Mancini. L’ex amministratore delegato è morto ieri sera a 58 anni. Mancini è stato molto vicino agli ambienti della destra romana ed è stato anche coinvolto in alcune inchieste che però lo hanno visto uscire con archiviazioni. Mancini è stato capo segreteria dell’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Lo scorso 24 maggio invece era stato condannato a 5 anni di reclusione, con l’accusa di estorsione, per una presunta tangente da 600 mila euro sull’acquisto dei filobus da destinare al corridoio della mobilità Eur-Laurentina.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA