Scontri Genova, in Procura gli agenti che hanno pestato il giornalista Origone durante il comizio di Casapound

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Diversi agenti del Reparto mobile della Polizia di Stato che lo scorso 23 maggio, a Genova, hanno preso parte agli scontri con i manifestanti in piazza Corvetto, a margine di un comizio del movimento di estrema destra Casapound, si sono presentati in procura. Gli agenti, almeno quattro a quanto si apprende, si sarebbero presentati in Procura per rilasciare dichiarazioni spontanee.

Al centro degli accertamenti avviati dall’autorità giudiziaria all’indomani degli scontri c’è, in particolare, la carica in cui è rimasto ferito il giornalista di Repubblica, Stefano Origone, verosimilmente scambiato per un manifestante nonostante avesse ripetuto più volte di essere un cronista.

La Procura del capoluogo ligure ha aperto anche un secondo fascicolo a carico degli antagonisti che nello stesso hanno lanciato bottiglie e pietre contro gli agenti che proteggevano l’accesso alla piazza dove si stava svolgendo il comizio di Casapound.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA