Scontri No Green Pass, Draghi: “Intimidazioni inaccettabili e da respingere con assoluta fermezza”. Gelmini: “Non c’è spazio per i violenti, la risposta sarà intransigente”

Draghi No Green Pass
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha telefonato al segretario Generale della Cgil, Maurizio Landini, per esprimere “a lui e a tutto il sindacato la piena solidarietà del Governo per l’assalto avvenuto oggi alla sede di Roma” (leggi l’articolo). “I sindacati – afferma in una nota il premier – sono un presidio fondamentale di democrazia e dei diritti dei lavoratori. Qualsiasi intimidazione nei loro confronti è inaccettabile e da respingere con assoluta fermezza”.

Il presidente del Consiglio condanna inoltre le violenze che sono avvenute in varie città italiane. “Il diritto a manifestare le proprie idee – aggiunge Draghi – non può mai degenerare in atti di aggressione e intimidazione. Il Governo prosegue nel suo impegno per portare a termine la campagna di vaccinazione contro il Covid-19 e ringrazia i milioni di italiani che hanno già aderito con convinzione e senso civico”.

“Manifestare è una cosa, attaccare la polizia, assaltare la sede di un sindacato, provare a raggiungere Palazzo Chigi è ben altro” afferma al Corriere il ministro per gli Affari Regionali, Mariastella Gelmini.  “In alcune proteste contro il green pass vedo anche tanta strumentalizzazione. Non c’è spazio per i violenti – ha aggiunto la ministra -, la risposta sarà intransigente. Solidarietà alle forze dell’ordine e alla Cgil. La tensione si placa solo con la corretta informazione: convincere gli scettici resta la strada maestra è la soluzione”.

Poi l’avvertimento a chi chiede modifiche sul Green pass, si ascolteranno tutti, ma non si tornerà indietro: “Il decreto è stato concordato con sindacati e associazioni un mese fa. La strada maestra resta il vaccino” conclude la Gelmini.

Leggi anche: Scontri con la polizia al corteo dei No Green Pass a Roma. Attaccata la sede della Cgil. Nella notte 12 arresti. Fermati anche i leader di Forza Nuova Fiore e Castellino.