Scossa di terremoto di magnitudo 4 a Catanzaro. Gente in strada, scuole evacuate e circolazione dei treni sospesa. La Protezione Civile: nessun danno né feriti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.0 è stata registrata, alle 8:11 di questa mattina, dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, a 2 chilometri a nord ovest di Caraffa, in provincia di Catanzaro. L’evento, distintamente avvertito dalla popolazione, è stato localizzato a una profondità di 27 chilometri. Una successiva scossa, di magnitudo 2.0, si è verificata due minuti dopo con lo stesso epicentro.

Il sisma è stato avvertito in maniera netta in tutta la provincia di Catanzaro, ma anche in quella di Cosenza. Proprio a Catanzaro, distante solo 11 chilometri dall’epicentro, la gente è scesa in strade e la scuole sono state evacuate. Dalle prime verifiche, ha riferito la Protezione civile, non risultano né feriti né danni. La sala Situazione Italia del Dipartimento è in contatto con le strutture di Protezione civile sul territorio.

In seguito alla prima scossa il traffico ferroviario è stato sospeso, in via precauzionale, per consentire la verifica dello stato dell’infrastruttura da parte dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane). Il sisma, puntualizza una nota di Rfi, ha interessato le linee Lamezia Terme Centrale-Catanzaro Lido, Crotone-Roccella e Simeri-Soverato, Paola-Rosarno, Nocera e Vivo Valentia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA