“Se andiamo al governo rimuoveremo il direttore dell’Egizio”. Nuove polemiche su Fratelli d’Italia. Il governatore Chiamparino: “Dichiarazioni di inaudita gravità”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non si placa, anzi è destinata a rinfocolarsi lo scontro tra il direttore del Museo Egizio di Torino, Chistian Greco e Fratelli d’Italia dopo la discussione tra la leader Giorgia Meloni e il direttore sulle agevolazioni d’ingresso per le persone di lingua araba.

Ieri sera le dichiarazioni di Federico Mollicone, responsabile nazionale comunicazione del partito, hanno creato una bufera. “Stiano tranquilli – dice – il direttore Greco e gli estensori dell’anacronistico appello di solidarietà: una volta al governo Fratelli d’Italia realizzerà uno dei punti qualificanti del proprio programma culturale che prevede uno spoil system automatico al cambio del Ministro della Cultura per tutti i ruoli di nomina, in modo da garantire la trasparenza e il merito, non l’appartenenza ideologica”. Frase che ha scatenato reazioni notevoli tra cui quelle del ministro per i Beni Culturali. “Noi le persone competenti come #ChristianGreco, con esperienza internazionale e indipendenti le abbiamo chiamate a dirigere i musei italiani. La destra minaccia di cacciarle perché non ubbidiscono. È proprio vero: il lupo perde il pelo ma non il vizio”, ha affermato Dario Franceschini.

A stretto giro è arrivata la solidarietà dell’assessore alla Cultura del Comune di Torino e del presidente della Regione Piemonte. Francesca Leon esprime la “piena solidarietà”. “La cultura è un bene universale, di tutti e bene fa il direttore Cristian Greco a costruire percorsi per avvicinare le persone ad un patrimonio così importante, che siano studenti, anziani, famiglie, innamorati e anche chi parla arabo. Sono indignata da queste strumentalizzazioni che fomentano odio e richiamano ad un nazionalismo pericoloso e deleterio. Essere donne e uomini di cultura vuol dire costruire ponti, non innalzare muri”.

Così anche Sergio Chiamparino, che ha sottolineato: “Le dichiarazioni fatte da Fratelli d’Italia sono di inaudita gravità e tradiscono la matura intollerante di costoro. Sarebbe bene che i loro alleati in doppiopetto berlusconiano si pronunciassero al riguardo. In ogni caso, per quel che mi riguarda, esprimo piena e attiva solidarietà al direttore del Museo Egizio, Torino Christian Greco: lo difenderemo in tutti i modi e fino in fondo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA