Semestrale record per Poste. E arriva l’acconto sui dividendi. Tutti i settori in crescita e vola l’assicurativo. Meglio del previsto il piano Deliver 2022

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Se gli indicatori economici dicono che il Paese cresce poco, in Poste Italiane devono avere letto tutt’altre previsioni, e ieri con i conti del secondo semestre è venuta fuori un’azienda talmente in crescita da aver impressionato persino i mercati, con Piazza Affari che a fine seduta ha premiato il titolo con un brillante +3,45%, a 9,66 euro per azione. Merito di una semestrale che vede un utile netto di 763 milioni (+4%) e un secondo trimestre con profitti netti per 324 milioni (+30%). I ricavi salgono a 5.521 milioni (+1,7%), e questo senza massacrare i fornitori, come stanno facendo altri gruppi partecipati dallo Stato, nonostante la richiesta del premier e delle forze politiche che sostengono il Governo di spingere insieme ai loro conti anche l’economia nazionale. così i costi operativi salgono dell’1% a 4.441 milioni, ma senza per questo compromettere un bilancio da incorniciare.

“I risultati del secondo trimestre – ha commentato l’amministratore delegato Matteo Del Fante – sono un’ulteriore pietra miliare lungo il percorso delineato dal piano Deliver 2022. Tutti i settori operativi hanno dato un contributo positivo alla crescita dei ricavi, mentre continua a ridursi la dipendenza dalle plusvalenze”. Del Fante ha confermato la guidance sul 2019 e annunciato un acconto sul dividendo che potrebbe essere pagato agli azionisti già nel quarto trimestre.

BRILLA POSTE VITA. A impressionare nell’analisi della gestione del Gruppo, è il segno più in tutti i settori, con particolare riguardo a poste Vita. Nel dettaglio, il risultato operativo cresce a 1.081 milioni (+2,6%). Per quanto riguarda i settori di attività, i ricavi dei servizi finanziari calano dell’1,5% a 2.665 milioni, quelli dei servizi di pagamento crescono del 9% a 306 milioni, i ricavi da corrispondenza restano pressochè invariati a 1.755 milioni e quelli dei servizi assicurativi crescono del 16,2% a 795 milioni.

SOLVIBILITÀ. Poste segnala poi che l’indice di solvibilità proprio della controllata Poste Vita a giugno è salito al 242% dal 214% segnalato a marzo. Una solidità fortissima, tanto che proprio i servizi assicurativi – con 325 milioni di utili (+29,4%) – hanno trainato i risultati del gruppo. La posizione finanziaria netta a fine giugno è negativa per 3.534 milioni (-5.372 milioni a fine dicembre). Tra gli eventi recenti, Poste ha indica che è stata approvata dai Cda di Cassa Depositi e prestiti e di Poste Italiane una linea di credito committed a favore di BancoPosta per un importo massimo di 5 miliardi che consente di diversificare le fonti di finanziamento proprio di BancoPosta.