Sentenza Mediaset, Esposito e D’Isa smentiscono i contenuti dell’audio. “Nessuna pressione. La decisione fu adottata all’unanimità”. Anche Franco prese parte alla stesura della motivazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La decisione fu adottata all’unanimità; il dottor Amedeo Franco prese parte, unitamente agli altri componenti, alla stesura della motivazione, approvata all’unanimità, in un’apposita camera di consiglio del 28 agosto 2013, di cui venne redatto verbale sottoscritto da tutti i componenti che poi sottoscrissero la motivazione firmando ogni foglio della sentenza”. E’ quanto affermano in una nota, il presidente della sezione feriale della Cassazione che nel 2013 condannò Silvio Berlusconi nell’ambito del processo Mediaset, Antonio Esposito, e il giudice, membro dello stesso collegio, Claudio D’Isa, a proposito dell’audio in cui il magistrato Amedeo Franco (a sx nella foto insieme ad Esposito) afferma che quella sentenza fosse stata pilotata per colpire Berlusconi. Esposito, si legge ancora nella nota, non ha mai “in alcun modo, subito pressioni né dall’alto né da qualsiasi altra direzione”. In particolare, nella nota si sottolinea come lo stesso presidente della sezione feriale “non subì mai pressioni dalla Procura della Repubblica di Milano con la quale mai ebbe contatto alcuno”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA