Sentenza shock. La stepchild adoption bloccata dalla politica viene riconosciuta in tribunale a Roma. Doppia adozione per una coppia di donne conviventi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dove non è arrivata la politica ci hanno pensato i giudici. Il tribunale di Roma ha dato il via libera alla stepchild adoption, “anche incrociata”. Ed entriamo nel dettaglio della decisione dei giudici che hanno permesso l’adozione di due bambine di 4 e 8 anni da parte di due donne conviventi. Il tribunale ha accordato il diritto delle due madri ad avere la tutela della figlia dell’altra, facendo riferimento alle cosiddette “adozioni in casi particolari“. Si tratta, sottolinea la presidente di Rete Lanford Maria Grazia Sangalli, di una forma particolare di adozione che garantisce al minore minori garanzie “rispetto al riconoscimento di una genitorialità piena e legittimante”. Le bambine avranno lo stesso doppio cognome ma per la legge non saranno sorelle.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA