Si celebra la festa della mamma, ma le festeggiate sono sempre meno. Le nascite calano anno dopo anno

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una festa della mamma con meno festeggiate. L’8 maggio, infatti, viene celebrato con preoccupazione in Italia. Perché le nascite sono al di sotto della soglia delle 500mila all’anno. Il laboratorio di Statistica applicata dell’università Cattolica di Milano ha parlato della “perdita” di una madre su cinque a causa di problemi economici e di prospettive lavorative incerte. Viene letto così anche il dato del ministero della Salute, secondo cui la media di parti per una donna era sceso a 1,39 nel 2013. E le statistiche aggiornate non lasciano intravedere uno scenario migliore.

I fiori per la festa della mamma
Nonostante le difficoltà per i 30enni, la festa della mamma è sempre molto sentita. “Quasi due italiani su tre (il 67%) non rinunciano ad offrire un mazzo di fiori o una pianta alla mamma in occasione della tradizionale ricorrenza della seconda domenica di maggio”, spiega la Coldiretti. I fiori e le piante – con in testa rose, liliim, begonie, gerani e azalee – restano di gran lunga il pensierino preferito da fare alle mamme. Per quanto riguarda gli altri tipi di regalo ci sono i cioccolatini o altri dolciumi (5%), vestiti o altri capi di abbigliamento (4%), gioielli o oggetti di bigiotteria (3%).  “Sempre rilevante – annota comunque la Coldiretti – è la percentuale di quanti (21%) non regaleranno niente, preferendo ignorare l’evento forse bollandolo di consumismo.”

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA