La Sicilia prova a voltare pagina. Ma Musumeci non ne azzecca una. Partenza flop del manager chiamato a sostituire la dirigente arrestata per il caso dei dati truccati

Sicilia Musumeci
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo la scoperta dei dati truccati per evitare la zona rossa e il conseguente terremoto politico, la Sicilia prova a voltare pagina. “La dottoressa Maria Letizia Di Liberti”, la responsabile del Dipartimento Regionale per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico finita ai domiciliari martedì, “con decorrenza dalla data della misura cautelare che la riguarda, è obbligatoriamente sospesa dal servizio in applicazione delle vigenti disposizioni. Il provvedimento, unitamente all’avvio del procedimento disciplinare, sarà adottato quando sarà notificata l’ordinanza che, ad oggi, non è stata trasmessa agli uffici” ha spiegato l’assessore regionale alla Funzione pubblica, Marco Zambuto.

Nel frattempo ad occuparsi del nevralgico ufficio che gestisce i numeri della pandemia nella regione governata da Nello Musumeci, è arrivato Mario La Rocca, già dirigente generale del dipartimento Pianificazione strategica dell’assessorato regionale alla Salute e finito al centro di furibonde polemiche perché, il 4 novembre, aveva incalzato, su whatsapp, i dirigenti delle Asp siciliane chiedendo di “caricare i posti in terapia intensiva, non sento caz…”.

Peccato che nei primi due giorni di lavoro all’Osservatorio Epidemiologico, La Rocca sembra non imbroccarne una. Il primo giorno i dati non vengono comunicati mentre il secondo sì ma sono sbagliati e quindi è stata inviata prima una rettifica e dopo un’ulteriore precisazione. Così con il clima nell’isola che si fa sempre più arroventato, il Movimento 5 Stelle pretende chiarezza.

“Il ministro della Salute Roberto Speranza riferisca in Parlamento sulla gravissima situazione emersa in Sicilia e valuti la possibilità di promuovere la possibilità per il Governo di esercitare i poteri conferiti dall’articolo 120, comma 2 della Costituzione, laddove venga accertato che la gestione dell’emergenza sanitaria da parte della Regione siciliana possa avere esposto a rischio il diritto fondamentale alla salute dei cittadini siciliani” è quanto si legge in un’interpellanza urgente presentata dal senatore grillino, Vincenzo Santangelo, e firmata dal gruppo M5s a Palazzo Madama.

L’interpellanza chiede al ministro di “verificare i dati reali sull’epidemia riguardanti la Regione siciliana” e di “valutare misure di vigilanza più incisive sul flusso dei dati trasmessi dalle Regioni all’Iss” oltre alla “sostituzione dell’attuale commissario straordinario per l’emergenza Covid in Sicilia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA