Silvio Berlusconi ricoverato al San Raffaele oggi: “Non sta bene, era sorretto dalle guardie del corpo e da Zangrillo”

berlusconi ricoverato san raffaele oggi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’ex premier Silvio Berlusconi è arrivato questa mattina molto presto all’ospedale San Raffaele di Milano. Si trova ora nella suite al sesto piano del reparto Diamante. Berlusconi, secondo quando riferiscono fonti vicine al suo entourage all’AdnKronos, non stava bene ed era assistito in una camera attrezzata della dimora di Arcore. In ospedale è entrato intorno alle 5 del mattino. E’ stato visto uscire dalla macchina affaticato, sorretto dalle guardie del corpo e dal medico curante, il professor Alberto Zangrillo.

Silvio Berlusconi ricoverato al San Raffaele oggi

Secondo quanto riferito da fonti, il leader di Forza Italia sta proseguendo alcune terapie per superare gli strascichi del Covid, che lo ha colpito lo scorso autunno. In queste settimane i ricoveri dell’ex presidente del Consiglio, 84 anni, si erano intrecciati con numerosi rinvii del processo Ruby Ter di Siena, dove ormai oltre un anno fa la pm Valentina Magnini aveva chiesto la sua condanna per l’accusa di corruzione in atti giudiziari insieme al pianista senese di Arcore Danilo Mariani. Dopo l’ultimo rinvio, la prossima udienza è fissata per il 13 maggio.

Il primo rinvio è avvenuto il 21 maggio 2020 per l’impedimento dei legali di raggiugere Siena a causa delle restrizioni agli spostamenti tra regioni per il Covid, il secondo l’1 ottobre a causa della positività al coronavirus di Berlusconi, il terzo il 25 novembre alla luce della volontà dell’ex premier di deporre in aula, il quarto il 14 gennaio di quest’anno, per gli accertamenti di salute all’ospedale di Monaco. Quindi l’ultimo ricovero, iniziato il 6 aprile e terminato l’1 maggio, aveva comportato due slittamenti dell’ultima udienza.

“Berlusconi non sta bene, era sorretto dalle guardie del corpo e da Zangrillo”

Il giudice ha deciso che il processo Ruby sarà sospeso finché Berlusconi non uscirà dal ricovero al San Raffaele. I giudici hanno rinviato l’ultima udienza al 19 maggio, quando si verificherà se ci saranno state o meno le dimissioni. In caso di uscita dall’ospedale dell’ex premier per quella data, se la difesa segnalerà ancora problemi di salute, il Tribunale valuterà di disporre una perizia con accertamenti medici.

Il dibattimento vede imputati, a vario titolo, Berlusconi e altre 28 persone per corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza nell’ambito delle presunte “cene eleganti” ad Arcore.  Il 21 aprile scorso i giudici hanno sospeso il processo perché un testimone, il ragionier Spinelli, non aveva ancora ricevuto il vaccino. Già il 24 marzo scorso infatti Spinelli, chiamato come teste dai pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio, aveva depositato un’istanza di impedimento. Aveva sostenuto di non aver ricevuto ancora la seconda dose del vaccino e, dunque, di non poter essere in aula.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Una destra tutta suonata

La Sinistra ha stravinto le elezioni, ma c’è poco da festeggiare quando il successo arriva per abbandono dell’avversario, che già dopo il primo turno barcollava più di un pugile suonato. Nonostante l’avvertimento emerso quindici giorni fa dalle urne, Meloni e Salvini non hanno saputo riacquistare

Continua »
TV E MEDIA