Siria, gas nervino sui civili. Almeno 213 persone, tra cui donne e bambini, sarebbero stati uccisi oggi dalle forze del presidente Bashar al-Assad

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sarebbero 213 le persone, tra cui donne e bambini, uccise oggi dalle forze del presidente Bashar al-Assad in un attacco con gas nervino in una roccaforte ribelle nella regione di Guta. Lo hanno riferito attivisti dell’opposizione, spiegando che le informazioni provengono dai centri medici della regione. Razzi con il potente gas avrebbero colpito tre sobborghi: Ain Tarma, Zamalka e Jobar. Una missione di esperti dell’Onu si trova a Damasco con l’incarico di verificare se siano state usate armi chimiche nel conflitto tra lealisti e ribelli, che si sono più volte accusati reciprocamente. I Comitati di coordinamento locale parlano di centinaia di vittime a causa del “brutale uso di gas tossici da parte del regime criminale”. Secondo una fonte sentita dall’emittente al-Arabiya le vittime sarebbero 500. Intanto un altro gruppo di attivisti, la Commissione generale della rivoluzione siriana, ha diffuso su Youtube alcuni video, riferendo che nella stessa zona sono in corso pesanti raid aerei lealisti cominciati dopo l’attacco chimico.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA