Siria, le forze curde anti-Isis riconquistano Kobane. E intanto arriva un nuovo invito dal portavoce dello Stato islamico: jihadisti europei, colpite ovunque

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo quattro mesi di scontri i combattenti curdi in Siria sono riusciti a strappare Kobane all’Isis. A darne notizia è l’osservatorio siriano per i diritti umani, basato a Londra. Non sono segnalati, per il momento, grossi combattimenti e solo in due quartieri è segnalata ancora la presenza di combattenti jihadisti.  Le forze anti-Isis delle Unità di Protezione del Popolo hanno conquistato il 90% della città, assicurano dall’Osservatorio. Si combatte da tempo e da settembre a oggi sono più di 1.500 i morti.

L’ULTIMO INVITO
Un nuovo messaggio giunge ai  jihadisti europei dal portavoce dello Stato islamico, Abu Muhammad al Adnani: “Colpite i crociati nel loro territorio e ovunque si trovino”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA