Sms hot agli uomini sposati della sua parrocchia. Rimosso giovane sacerdote ad Avellino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un giovane parroco è stato rimosso dal vescovo di Avellino, monsignor Arturo Aiello, ufficialmente “per motivi di salute”. La vera motivazione sta nel fatto che avrebbe inviato dal suo telefonino messaggi hot ed esplicite avances sessuali a uomini sposati che frequentavano la sua parrocchia. Il vescovo si è chiuso nel silenzio senza fornire ulteriori spiegazioni sull’accaduto.

Oltre alla rimozione è stato avviato l’iter per la sospensione a divinis. Al sacerdote cinque anni fa era stata assegnata la cura di una parrocchia della periferia di Avellino. A denunciare l’accaduto sarebbe stato uno degli uomini sposati raggiunto dagli sms del parroco. Convocato dal vescovo, il giovane sacerdote – e alla presenza di tre parroci – non ha negato.

Il prete viene ritenuto anche l’autore di alcuni volantini anonimi comparsi nei mesi scorsi nel centro della città nei quali si denunciavano almeno dieci preti dell’Irpinia per presunti scandali sessuali e relazioni con le devote. Non solo una voce visto che gli agenti della Digos hanno alcune immagini della videosorveglianza che hanno immortalato il giovane parroco mentre lasciava i volantini anonimi sui parabrezza delle auto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA