Social scatenati contro l’orrore nei pomeriggi in tv. Ma cancellare i mostri o le epiche gesta del Bettarini di turno è molto peggio. Ecco perchè

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sui social network si sta linciando la tv per le cronache dell’orrore acchiappa audience, soprattutto il pomeriggio. Le critiche bersagliano dalla conduttrice Barbara D’Urso a tutta Mediaset, aggiungendo allo stesso calderone la Rai.

Un attacco così mirato da sottrare ai radar che la violenza, o le epiche gesta del Bettarini di turno, le scegliamo noi. Non sono Mediaset, Il Grande Fratello o la Rai che ci manovrano il telecomando, ma la libera scelta di molti spettatori. Pubblico che decide cosa vedere spinto dalla propria base valoriale, e di fronte al quale le reti televisive si pongono alla stregua di imprenditori. Se il loro scopo è fare ascolti, esattamente come fanno gli imprenditori i canali tv inseguiranno il successo (e il profitto), coscienti che il concetto di base di chi fa impresa non è fare morale, fare cultura e meno che meno fare politica.

Questo è il grande dramma del capitalismo. E se le anime belle della sedicente imprenditoria politically correct volessero negarlo, mentirebbero sapendo di mentire. La tv che educa i cittadini può e deve essere chiesta al servizio pubblico, ma se si vuole il libero mercato bisogna accettarne le storture.