Sondaggi politici oggi: Salvini in crisi, il governo Draghi delude sui vaccini, il 25% non farebbe il vaccino AstraZeneca

sondaggi politici oggi 14 aprile dimartedì pagnoncelli ipsos
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I sondaggi politici di Nando Pagnoncelli di Ipsos illustrati ieri con Giovanni Floris a DiMartedì dicono che gli italiani sono insoddisfatti del piano vaccinale del governo Draghi, anche se pensano che l’esecutivo stia agendo bene (per il 50%). In altre rilevazioni il governo Draghi era in calo di consensi. E anche qui la curva sembra in discesa.

Sondaggi politici oggi: il governo Draghi delude sui vaccini

Il campione si esprime prima di tutto sull’emergenza coronavirus: il governo Draghi sta agendo bene per il 50%. Per il 38% invece è troppo impegnato sulle chiusure. Non si esprime il 12% del campione del sondaggio. Sul piano vaccinale invece prevalgono i giudizi negativi: il 56% del campione è insoddisfatto. L’ok arriva invece dal 34%. Per il 47% la guida del Generale Figliuolo ha portato benefici anche se permangono i giudizi negativi sulla campagna vaccinale in generale. Qui è il 33% a non essere soddisfatto.

Il campione dice la sua anche sul vaccino AstraZeneca: se gli proponessero il preparato dell’azienda anglo-svedese, il 33% “lo farebbe senza problemi”. Non lo farebbe in ogni caso invece il 25% mentre lo accetterebbe solo se non ci fossero alternative il 21%. In pochi infine credono che il coronavirus sia uscito un laboratorio cinese, e qui la biologa Barbara Gallavotti parla della missione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a Wuhan. “Resta escluso che il virus sia nato in laboratorio. Non ha le caratteristiche di un virus confezionato dall’uomo. Possiamo pensare che sia nato nell’ambiente naturale”, ha detto Gallavotti.

Sondaggi politici: Salvini in crisi

I sondaggi politici di Euromedia Research illustrati oggi da Alessandra Ghisleri su La Stampa dicono invece che la fiducia nel Presidente del Consiglio Mario Draghi in due mesi è passata dal 63,8% a152,7% perdendo 1’11.1% dei consensi. Le perdite più sostanziose appartengono all’elettorato della Lega di Matteo Salvini e del Movimento 5 Stelle. Un calo lieve e costante del trend dell’indice di fiducia che, anche nell’arco dell’ultima settimana, si traduce in un -1,4%.

Leggi anche: 14 aprile 2021: il bollettino sul coronavirus di oggi in Italia

La stessa perdita si riscontra anche per l’intero esecutivo che, partendo dal 56,9% del 10 febbraio si ritrova ogni al 40,8% con un deficit del 16,1%. E ancora: il 51,6% del campione dichiara infatti di non rilevare differenze nell’attuale gestione rispetto alla precedente e, mentre il 21,1% riscontra una migliore amministrazione, il 19,8% nel confronto ne individua un peggioramento (con il 61,9% dell’elettorato del M5s).

Il leader maggiormente in difficoltà in questo momento è Matteo Salvini (29,5% indice di fiducia), che, come il suo partito, di settimana in settimana perde decimali di consensi. Così la delusione per coloro che lo interpretavano come il paladino delle riaperture e delle responsabilità sociali avanza in favore di Giorgia Meloni (27,4%) che si è ritrovata a capo della piazza della protesta in totale solitudine. Se con Nicola Zingaretti poi era il Pd a mostrare un inusuale imbarazzo nello stare al Governo con la Lega, oggi con Enrico Letta si riconosce la voce della forza responsabile e autocritica.

Sondaggi oggi: la Lega crolla

I sondaggi politici di Swg di cui ha parlato lunedì il direttore Enrico Mentana nel Tg di La7 dicono invece che la Lega è in grave difficoltà e perde in una settimana quasi un punto percentuale. Ma anche il suo principale competitor, ovvero Fratelli d’Italia, stavolta perde voti mentre li guadagnano il Partito Democratico e il MoVimento 5 Stelle. Intanto il campione del sondaggio politico di Swg dice anche che non vede in maggioranza una grande differenza tra il governo Draghi e il Conte Bis.

I sondaggi politici di Swg raccontano che il Carroccio è attualmente al 22%, uno dei punti più bassi del suo consenso, mentre il Partito Democratico la tallona al 19,3% crescendo di quasi un punto percentuale (+0,9%). Il MoVimento 5 Stelle è al 17,7% e cresce dello 0,2% mentre Fratelli d’Italia, al 17,3%, retrocede dello 0,3%. A completare la crisi del centrodestra c’è Forza Italia che perde lo 0,1% ed è al 6,7%. Subito dopo arriva Carlo Calenda con la sua Azione che però per ora non si smuove di molto dal 3,4% (e perde lo 0,1%), mentre Sinistra Italiana è al 3 (+0,3%).

Italia Viva invece perde lo 0,2% ed è al 2,2%, a pari merito con i Verdi che però guadagnano voti. Più in basso c’è +Europa all’1,5%, a pari merito con Articolo Uno-Mdp mentre Cambiamo! è all’1% e le altre liste, insieme, raccolgono il 2,2%. Attualmente non si esprime il 40% del campione. Molto interessante invece la tabella che confronta il governo Draghi con il Conte Bis. Si legge che per il 62% del campione non c’è differenza tra i due esecutivi, mentre per il 37% è più efficace il governo Draghi e per il 2% è stato più efficace il Conte Bis.

La ripartizione della soddisfazione nei confronti dell’esecutivo dice che per il 61% degli elettori della Lega il governo Draghi non è differente da quello di Conte. La stessa opinione ce l’ha il 57% degli elettori di Fratelli d’Italia, ma questo è spiegabile con il fatto che Giorgia Meloni è all’opposizione. Mentre il dissenso nei confronti dell’esecutivo spiega anche il calo del Carroccio nei sondaggi politici.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA