Sondaggi politici: Conte è il leader più amato, Meloni supera Salvini

sondaggi politici oggi 2 giugno 1
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I sondaggi politici di Ipsos illustrati da Nando Pagnoncelli durante DiMartedì dicono che Giuseppe Conte è il leader più amato, mentre Giorgia Meloni stacca Matteo Salvini nelle graduatorie di gradimento e Fratelli d’Italia appaia il Partito Democratico in classifica.

Sondaggi politici: Conte è il leader più amato, Meloni raggiunge Salvini

La rilevazione illustrata nella trasmissione di Giovanni Floris su La7 descrive una tendenza che emerge anche negli altri sondaggi politici. E che vede la Lega in crisi di consenso così come il Partito Democratico e il MoVimento 5 Stelle. Mentre Fratelli d’Italia, forte dell’opposizione al governo Draghi e dell’esposizione mediatica della sua leader, continua a correre.

Il Carroccio così raggranella in totale il 22,4% mentre il Pd si fa raggiungere da Fdi al 19,4%. Subito dopo c’è il M5s al 15,4%, in calo come il Pd rispetto alle precedenti rilevazioni. Il campione di Pagnoncelli attribuisce poi il 7,7% a Forza Italia, che è il primo partito tra quelli che sono sotto il 10%. Sotto Berlusconi c’è una pletora di piccoli con percentuali al limite dell’irrilevanza. Azione! di Carlo Calenda è al 2,4%, Più Europa al 2,2%, Sinistra Italiana al 2% e Italia Viva di Matteo Renzi all’1,9%.

sondaggi politici oggi 2 giugno 2

Il livello di gradimento per i leader invece è un plebiscito per Giuseppe Conte. Nonostante i problemi con l’Associazione Rousseau e il Garante della Privacy, il leader in pectore del M5s raggiunge il 51%. Dimostrando così di ricevere apprezzamento anche dalla parte che in teoria gli sarebbe avversa.

Dietro di lui c’è il ministro della Salute Roberto Speranza, che però è leader di un partito che ha scarso appeal nell’elettorato. Il derby interno al centrodestra lo stravince Meloni, che porta a casa il 37% dei consensi mentre Matteo Salvini raggiunge il 31%. Poi ci sono Giovanni Toti, Enrico Letta e Silvio Berlusconi.

Sondaggi: Draghi premier è al 66%

Raggruppando i dati dei partiti per coalizioni si scopre che attualmente il centrodestra è al 49,5%. Ovvero ben al di sopra del numero necessario di voti per raggiungere una solida maggioranza sia alla Camera che al Senato. Il centrosinistra senza M5s è a distanza siderale: il 31,5%. Se invece si allea con il M5s arriva al 38,4%. In attesa di conoscere il sistema elettorale con cui voteremo, si tratta di percentuali importanti ma la partita pare già finita. Il gradimento per il governo Draghi intanto arriva al 64% dopo i successi della campagna vaccinale. Anche quello del premier risale e arriva al 66%.

Invece i sondaggi politici di Swg realizzati per il Tg di La7 e illustrati lunedì da Enrico Mentana danno Fratelli d’Italia al 20% mentre il centrodestra unito arriva al 48%. Anche questa rilevazione dà in calo il Partito Democratico e il MoVimento 5 Stelle. Nella rilevazione sugli orientamenti di voto al 31 maggio 2021 la Lega torna a guadagnare lo 0,4% e approda al 21,7% mentre Fratelli d’Italia fa un balzo in avanti di mezzo punto percentuale e tocca per la prima volta quota 20%.

In forte calo sia il Partito Democratico che il MoVimento 5 Stelle che perdono rispettivamente lo 0,5% e lo 0,7% e sono al 19 e al 15,8%. Anche Forza Italia crolla (-0,6%) ed adesso è al 6,3% mentre Azione è al 3,6% e guadagna lo 0,3%. La stessa percentuale la porta a casa il partito di Nicola Fratoianni: Sinistra Italia è al 3%.

Leggi anche: Mutui sospetti a San Marino: il leghista Siri e altri sette a rischio processo