Sondaggi politici: Conte al 55% di popolarità, Salvini arranca al 30%

sondaggi politici oggi 5 maggio conte salvini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I sondaggi politici di DiMartedì presentati da Nando Pagnoncelli di Ipsos durante la trasmissione di Giovanni Floris dicono che Giuseppe Conte è il leader più amato con il 55% mentre Matteo Salvini è apprezzato dal 30% del campione. E il leader della Lega è soltanto quinto nella classifica, superato da Giorgia Meloni, Roberto Speranza ed Enrico Letta.

Sondaggi politici: Conte al 55% di popolarità, Salvini arranca al 30%

Nella classifica sul gradimento dei leader dopo Giuseppe Conte insegue la leader di Fratelli d’Italia, che però è molto distanziata dall’Avvocato del Popolo (37%). Poi c’è il ministro della Salute al 36% ed Enrico Letta al 30%. Salvini supera Silvio Berlusconi, al 28% insieme a Giovanni Toti. Più indietro arrivano Carlo Calenda (23%), Nicola Fratoianni (22%) e Angelo Bonelli dei Verdi (19%). Ultimo in classifica è il senatore di Italia Viva Matteo Renzi con il 10%.

sondaggi politici oggi 5 maggio

Per quanto riguarda gli orientamenti di voto la Lega cala dello 0,6% ed è al 21,9% mentre il Partito Democratico cresce della stessa cifra, arriva quasi al 21% ed è ormai a un passo dal Carroccio. Quello della Lega è il risultato più basso dall’inizio della legislatura, secondo Ipsos. Fratelli d’Italia invece cresce dell’1,7% e si attesta al 18,9%, ovvero il dato più elevato di sempre. E il fatto che a ogni calo della Lega corrisponda quasi ogni settimana una crescita di FdI ci dice molto su chi sta giovando e lucrando risultati e perché. Ovvero, l’appoggio al governo Draghi sta penalizzando Salvini.

Pagnoncelli fa sapere anche che il MoVimento 5 Stelle cala di due punti percentuali. E addebita il risultato al divorzio da Casaleggio e al video di Beppe Grillo in difesa del figlio Ciro. Ora il M5s è al 16%, dietro Fratelli d’Italia in questa rilevazione campionaria. Forza Italia invece cresce (da 7,6% a 8%), così come Azione di Carlo Calenda (da 2,4% a 2,8%) e Sinistra Italiana (dal 2% al 2,2%). Nel complesso, mentre la distanza tra primi due partiti si è ridotta a un solo punto, il vantaggio delle tre forze del centrodestra su quelle del centrosinistra si mantiene ampio (48,8% a 31,6%).

Sondaggi oggi: la media Youtrend/Agi

La Supermedia settimanale dei sondaggi politici di Youtrend/Agi dice invece Fratelli d’Italia cresce ancora nei consensi degli italiani, mentre perdono terreno i partiti che sostengono il governo Draghi con l’unica eccezione del Pd che comunque guadagna solo 0,1 punti. In dettaglio, il partito di Giorgia Meloni spunta 0,3 punti e si porta al 17,7%, riducendo ancora il distacco dalla Lega, che si attesta al 22,3%, con una flessione di 0,1 punti. Fra i due partiti maggiori del centrodestra si collocano i dem che salgono al 18,9%, mentre i 5 stelle flettono di 0,3 punti, scendendo al 16,7%. In lieve diminuzione anche i consensi di Forza Italia, Italia Viva e Azione. I partiti che costituiscono la maggioranza di governo perdono 1,7 punti, scendendo al 74,9.

  • LISTE SUPERMEDIA: Lega 22,3 (-0,1) Pd 18,9 (+0,1) FdI 17,7 (+0,3) M5s 16,7 (-0,3) Forza Italia 7,6 (-0,1) Azione 3,2 (-0,3) Italia Viva 2,5 (-0,6) Sinistra Italiana 2,3 (=) Verdi 1,8 (=) Art.1-Mdp 1,4 (-0,1) +Europa 1,3 (-0,2)
  • AREE PARLAMENTO SUPERMEDIA: Maggioranza Draghi 74,9 (-1,7) di cui: – giallorossi (Pd-M5s-Mdp) 36,9 (-0,5) – centrodestra (Lega-FI-Toti) 31,0 (-0,2) – centro liberale 7,0 (-1,0) Opposizione dx (FdI) 17,7 (+0,3) Opposizione sx (Si) 2,3 (=)
  • SUPERMEDIA COALIZIONI POLITICHE 2018 Centrodestra 48,7 (=) Centrosinistra 25,9 (-1,0) M5S 16,7 (-0,3) Leu 3,7 (-0,2) Altri 5,0 (+1,5)

Leggi anche: L’insegnante del video dell’incontro in autogrill con lo 007 risponde a Renzi: “Non sono dei servizi segreti”

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA