Spopola il Superbonus, spesa sempre più da record

edilizia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Spicca il volo il Superbonus del 110% ed esulta il M5S che quella misura ha voluto e difeso. Ammonta a oltre 5,68 miliardi di euro il totale nazionale degli investimenti ammessi a detrazione grazie al Superbonus alla fine del 31 agosto 2021. Lo pubblica l’Enea sul proprio sito da cui emerge che sono oltre 37mila le richieste depositate per l’apertura di cantieri. Il totale degli investimenti per lavori conclusi ammessi a detrazione (pari al 68,8%) è di 3,91 miliardi.

Leggi anche: La spinta del Superbonus. Da luglio +1,5 miliardi di lavori. La misura voluta dal M5S è un successo. E aumenta il pressing per arrivare a fine 2023.

L’onere a carico dello Stato per le detrazioni supera i 10,5 miliardi. Investimento medio: 547.191 euro per i condomini, 98.264 euro per edifici unifamiliari e 87.833 euro per unità immobiliare funzionalmente indipendente. Sul podio per maggior numero di cantieri (più tecnicamente per asseverazioni depositate) per lavori di tipo energetico, ci sono la Lombardia a quota 5.116 per oltre 857 milioni di euro di investimenti ammessi a detrazione e 616 milioni a detrazione di lavori realizzati, il Veneto con 4.628 cantieri per oltre 558 milioni ammessi a detrazione e 413 milioni per lavori realizzati e il Lazio con 3.704 asseverazioni depositate, 560 milioni come totale di investimenti ammessi a detrazione e 362 milioni ammessi per lavori realizzati. Numeri che dimostrano, dice Agostino Santillo del M5S, la necessità di due ulteriori passaggi: la proroga del Superbonus e l’estensione del principio della cessione dei crediti d’imposta anche al piano Transizione 4.0, per dar vita a un vero e proprio “Superbonus imprese”.

Leggi anche: M5S in pressing su Franco per il Superbonus 110%. Senza l’agevolazione determinante per il settore edile si rischia di danneggiare moltissime imprese.