Stadio della Roma, a giudizio Bonifazi e Centemero. Per l’accusa Parnasi ha versato contributi illegali ai politici. A processo andranno in 13. Tra loro anche l’ex M5S De Vito

FRANCESCO BONIFAZI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il deputato e tesoriere della Lega Giulio Centemero, l’ex tesoriere del Pd (ora senatore Iv) Francesco Bonifazi (nella foto) e l’ex presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito (espulso dal M5s e passato a Forza italia) sono stati rinviati a giudizio nell’ambito del filone sul finanziamento illecito legato all’inchiesta sullo stadio della Roma (leggi l’articolo). Il gup Annalisa Marzano ha mandato a processo 13 persone, tra cui anche l’imprenditore Luca Parnasi.

La prima udienza è fissata per il 21 dicembre prossimo. L’indagine, come forse qualcuno ricorderà avendo fatto molto discutere mesi fa, è legata ai presunti contributi illegali alla politica partiti dalla società Pentapigna di Parnasi. Secondo quanto emerso dall’inchiesta (ovviamente tutto dovrà essere eventualmente valutato in fase dibattimentale) per quanto riguarda Centemero, sotto la lente ci sono 250mila euro erogati tra il 2015 e il 2016 in due tranche all’associazione Più Voci, presieduta dal tesoriere del Carroccio.

A Centemero e Parnasi (e al fiscalista Andrea Manzoni) la Procura capitolina contesta anche il reato di autoriciclaggio per il trasferimento di una parte di quei soldi a “Radio Padania”. Per Bonifazi, invece, oltre al finanziamento illecito l’accusa è di emissione di fatture per operazioni inesistenti: in questo caso i magistrati contestano 150mila euro ricevuti dalla Fondazione Eyu, presieduta all’epoca dei fatti dall’ex tesoriere dem. Nel procedimento sono parti civili, tra le altre, il Comune di Roma e la Regione Lazio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA