Stop alla riforma della banche popolari. Il Consiglio di Stato rimanda la legge alla Corte costituzionale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Consiglio di Stato ha rimandato la riforma delle banche popolari alla Corte costituzionale. I giudici amministrativi, in attesa del pronunciamento della Consulta, ha stabilito lo stop all’efficacia della legge approvata nel 2015 che prevede la possibilità di sospendere il rimborso delle azioni su cui è stato esercitato il diritto di recesso per la trasformazione in società per azioni.

La sentenza “accoglie interinalmente, in parte, l’istanza cautelare e, per l’effetto, sospende parzialmente, con le sentenze appellate, l’efficacia dell’impugnata circolare della Banca d’Italia”, ha spiegato il Consiglio di Stato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA