Strage di Parigi, arrestata in Belgio la sesta persona. Altro fermo in Germania: gli avrebbe venduto le armi. E ad Ancona tre siriani nei guai per passaporti falsi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Arrestati dalla Polfer di Ancona tre siriani con passaporti falsi. Sono stati fermati, intorno alle 2:44, quando stavano per salire sul treno per Milano. Da quanto raccontato agli investigatori sarebbero arrivati a Bari nascosti in un container dopo aver comprato documenti falsi in Turchia al costo di mille euro. Sono stati processati per direttissima, e hanno patteggiato una condanna ad un anno di reclusione. In corso le procedure per l’espulsione.

IL SESTO ARRESTO -Sesto arresto per uno dei presunti coinvolti nella strage di Parigi. In Belgio è stato fermato un uomo durante un’operazione anti-terrorismo a Verviers. E’ accusato di aver partecipato ad attività terroristiche e omicidio terroristico. Prosegue intanto la caccia ad Abdeslam Salah che, però, potrebbe essere in fuga verso la Siria.

INDAGINI A TUTTO CAMPO – Secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco Bild un uomo di 34 anni sarebbe stato arrestato in Germania, a Stoccarda, con il sospetto di aver venduto quattro fucili d’assalto agli attentatori di Parigi.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA