Studente americano trovato morto nel Tevere, fermato un 40enne romano senza fissa dimora. Fortemente indiziato per l’omicidio del giovane

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Fermato un 40enne romano per l’omicidio dello studente americano 19enne ritrovato ieri nel Tevere. L’uomo fermato risponde al nome di Massimo Galioto, a rintracciarlo gli agenti della Squadra Mobile e del Commissariato Trevi–Campo-Marzio. E’ un romano senza fissa dimora di 40 anni, ritenuto responsabile della di Beau Solomon. L’uomo è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto poiché gravemente indiziato di omicidio aggravato da futili motivi. Il fermo del pm sarà sottoposto alla convalida del Gip.

Il ragazzo era scomparso nella notte tra giovedì e venerdì scorso dopo una serata a Trastevere. Immediatamente erano scattate le ricerche delle forze dell’ordine, fino al ritrovamento di ieri nel Tevere all’altezza di Ponte Marconi. Il cadavere, incastrato nella vegetazione aveva una vistosa ferita alla testa. La svolta con la testimonianza di due persone che ieri hanno raccontato agli inquirenti di un giovane che veniva scaraventato di sotto da ponte Garibaldi da un gruppo di persone. Forse era proprio il giovane studente.