Sui treni frigorifero decine di militari russi morti. Le immagini choc in un servizio di Al Jazeera. Kiev: “La Russia si rifiuta di prenderli. L’Ucraina seppellirà i corpi a proprie spese”

militari russi morti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I cadaveri di decine di militari russi morti in Ucraina e poi riposti dentro grandi sacchi bianchi, ammassati in un vagone refrigerato di un treno nella regione di Kiev, sono stati mostrati da Al Jazeera English (qui il video) che ha dedicato al ritrovamento un servizio per raccontare “il costo umano della guerra”.

“Mentre la Russia sfila sulla Piazza Rossa, migliaia di suoi soldati morti sono ammucchiati in sacchi su treni frigorifero” ha detto su Twitter il consigliere del ministro degli Interni ucraino, Anton Gerashchenko, citando il servizio di Al Jazeera English. “I russi si rifiutano di prenderli, così l’Ucraina potrebbe anche doverli seppellire a spese proprie”, ha aggiunto Gerashchenko riferendosi ancora ai militari russi morti a causa del conflitto in Ucraina.

Uno di loro “era di un’élite di paracadutisti”, spiega Al Jazeera English nel suo servizio, mostrando le immagini delle mostrine attaccate sulle divise dei militari russi morti. In un sacco sono stati trovati anche dei gioielli, probabilmente rubati ai civili ucraini, spiega l’emittente del Qatar aggiungendo di avere avuto accesso all’area nella regione di Kiev dopo che è stata liberata dall’occupazione russa.

Militari russi morti, Kiev: “La Russia si rifiuta di prenderli. L’Ucraina li seppellirà a proprie spese”

“Gli ucraini hanno trattato i morti dei nemici meglio di come hanno loro hanno trattato i civili. Saranno tenuti finché sarà necessario. Deciderà il governo perché la Russia si rifiuta di prenderli. Non li vuole. Ogni corpo è una prova di un crimine di guerra. Così se rifiutano di prenderli, l’Ucraina li seppellirà a proprie spese”, spiega il colonnello dell’esercito ucraino, Volodymyr Liamzin.