Sulla liberazione di Greta e Vanessa il ministro Gentiloni è reticente. Il Governo nega di aver pagato il riscatto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un discorso reticente. Che ha chiarito poco come siano andate realmente le cose in Siria per la liberazione di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo quello del ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, che oggi alle 13 ha pronunciato sulla vicenda alla Camera. Dopo i ringraziamenti dovuti a chi ha lavorato per il successo dell’operazione – i servizi e l’unità di crisi della Farnesina e tutte le autorità “che con un gioco di squadra hanno portato ad un risultato importantissimo” – Gentiloni ha riepilogato brevemente le tappe del sequestro e della successiva liberazione.

IL RISCATTO
Poi ha intrapreso il tema che da ieri sta dividendo tutta Italia, il tema del presunto pagamento di riscatto: “Ho letto ricostruzioni, a proposito del riscatto, prive di reale fondamento e veicolate da gruppi terroristici. Siamo contrari a ogni tipo di riscatto”. “L’Italia in tema di rapimenti – ha continuato – si attiene a comportamenti condivisi a livello internazionale, sulla linea dei governi precedenti. Per noi la priorità è sempre la tutela della vita e integrità fisica dei nostri connazionali. Considero inaccettabile che qualcuno abbia detto che Vanessa e Greta se la siano cercata. L’Italia ha bisogno di questi cooperanti e di questi volontari”.

LOTTA AL TERRORISMO
In tema di lotta terrorismo, ha aggiunto il responsabile della Farnesina, il nostro Paese “è in prima fila e su questo tema non accetta lezioni da nessuno”. E ha concluso con “un pensiero speciale alle famiglie di Paolo Dall’Oglio e di Giovanni Lo Porto sequestrati rispettivamente in Siria e in Pakistan il 29 luglio 2013 e il 19 gennaio 2012”. Si tratta, ha detto il ministro degli Esteri, “ancora di due vicende che hanno bisogno dell’Italia, due vicende alle quali stiamo lavorando con il massimo impegno e con discrezione giorno per giorno”. Ma le polemiche non si placano. A lanciare le accuse più pesanti è la Lega. “In Italia si introduca una norma per cui chi si mette nei guai, si arrangi a tirarsi fuori”, ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, a Rete Veneta. E ha concluso: “Quindi nei confronti di queste ragazze si faccia una confisca a vita fino a che si raccoglieranno 12 milioni di euro, sempre se è vero che è stata pagata questa cifra”. Allo stesso modo la pensa anche il suo compagno di partito Flavio Tosi: “In Italia esiste una legge in base alla quale quando una persona viene sequestrata, scatta immediatamente il blocco dei beni suoi e della famiglia per impedire il pagamento del riscatto. Perchè – si è chiesto il sindaco di Verona – lo Stato non la applica anche verso i sequestri all’estero”. Più prudente, invece, la posizione del leghista Giacomo Stucchi, deputato e presidente del Copasir, secondo “12 milioni per un riscatto è una cifra inverosimile”.

L’AUDIZIONE
Intanto, prima che il ministro parlasse in Aula, si è tenuta l’audizione delle due ragazze nella caserma del Ros (Raggruppamento operativo speciale dei carabinieri a Roma) che si è protratta fino alle prime ore del pomeriggio di ieri. Greta e Vanessa sono state ascoltate dal procuratore aggiunto di Roma Giancarlo Capaldo e dai pm Francesco Scavo e Sergio Colaiocco, che sulla vicenda avevano aperto un’inchiesta per sequestro di persona a scopo di terrorismo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA