Tabaccaio di Ivrea spara e uccide un ladro moldavo. E’ indagato per eccesso colposo di legittima difesa. Era stato più volte aggredito e aveva già subito furti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una sparatoria nel corso di un furto è avvenuta nella notte tra Pavone Canavese, in provincia di Ivrea. Il titolare di un bar tabacchi ha ucciso, con un colpo di pistola, uno dei tre malvivente moldavi che stavano compiendo un furto nella sua attività. Gli altri due complici sono riusciti a fuggire. La polizia sta ricostruendo l’accaduto, anche grazie alle telecamere di videosorveglianza. Il tabaccaio, Marcellino Iachi Bonvin, 67 anni, è indagato, a piede libero, per eccesso colposo di legittima difesa. Il commerciante, ha spiegato il procuratore di Ivrea, Giuseppe Ferrando, è stato indagato “per garantirgli il diritto della difesa e la presenza di un avvocato”. “Non si tratta di criminalizzare nessuno – ha sottolineato Ferrando -, ma di capire come sono andati i fatti. Siamo rimasti d’accordo che la prossima settimana ci spiegherà come sono andate le cose. Umanamente è una persona molto provata, sa che in ogni caso è stata una cosa grave. Si tratta di una persona pacata, di una famiglia normale. Le armi erano regolarmente denunciate, era stato aggredito più volte e aveva già subito dei furti”. Il moldavo di 24 anni morto aveva il volto coperto, come i suoi complici, e aveva un palanchino.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA