Tanta attesa per nulla. Gentiloni sulla scia di Renzi: pochissime novità tra i 41 sottosegretari, non c’è ombra dell’Ala di Verdini

dalla Redazione
Politica

Slittamento dopo slittamento, è arrivata finalmente la lista completa dei sottosegretari del Governo Gentiloni. Come trapelato prima del Consiglio del ministri, l’elenco non include rappresentanti dell’Alleanza liberalpopolare-Autonomie di Denis Verdini. Del resto la rinuncia alla poltrona di viceministro di Enrico Zanetti non aveva lasciato spazio a dubbi. E soprattutto non ci sono new entry rispetto al precedente Esecutivo, neppure tra gli incarichi “minori”.

Tra le poche novità ci lo spostamento di Vito De Filippo, ex presidente della Regione Basilicata, all’Istruzione: prima era sottosegretario alla Salute nel governo Renzi; trasloca anche il renziano Davide Faraone, che dall’istruzione va alla Salute. Davvero poca roba rispetto ai ritardi registrati sul completamento della squadra. Insomma, tanta attesa per nulla. O meglio per avere la conferma che il premier Paolo Gentiloni vuole seguire il percorso tracciato dal predecessore a Palazzo Chigi.

Ecco la lista completa dei 41 sottosegretari nominati nel Consiglio dei ministri

Presidenza del Consiglio: Maria Teresa Amici, Gianclaudio Bressa, Sandro Gozi, Luciano Pizzetti, Angelo Rughetti.

Affari esteri e cooperazione internazionale: Vincenzo Amendola, Benedetto Della Vedova, Mario Giro.

Interno: Gianpiero Bocci, Filippo Bubbico, Domenico Manzione.

Giustizia: Federica Chiavaroli, Cosimo Maria Ferri, Gennaro Migliore.

Difesa: Gioacchino Alfano, Domenico Rossi.

Economia e finanze: Pier Paolo Baretta, Luigi Casero, Paola De Micheli, Enrico Morando.

Sviluppo economico: Teresa Bellanova, Antonio Gentile, Antonello Giacomelli, Ivan Scalfarotto.

Politiche agricole, alimentari e forestali: Giuseppe Castiglione, Andrea Olivero.

Ambiente e tutela del territorio e del mare: Barbara Degani, Silvia Velo.

Infrastrutture e trasporti: Umberto Del Basso De Caro, Riccardo Nencini, Simona Vicari.

Lavoro e politiche sociali: Franca Biondelli, Luigi Bobba, Massimo Cassano.

Istruzione, università e ricerca: Vito De Filippo, Angela D’Onghia, Gabriele Toccafondi.

Beni e attività culturali e turismo: Dorina Bianchi, Ilaria Borletti Buitoni, Antimo Cesaro.

Salute: Davide Faraone.