Tasse in trasferta, il Lussemburgo è dolce come Nutella per Ferrero. Il colosso di Alba che ha portato prima di Fiat e Gtech la sede fiscale all’estero ha appena semplificato la holding

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ci sono gruppi italiani, come la Fiat o il gigante delle scommesse Gtech, che hanno fatto (e fanno) i soldi in Italia e se ne sono andati all’estero per pagare meno tasse. Il sistema lo consente e quello che possiamo pensarne può far parte giusto di un giudizio etico, ben sostenuto dal fatto che il Lingotto ha spremuto questo Stato con miliardi di ore di cassa integrazione, leggi ad hoc e rottamazioni fatte su misura. Gtech – l’ex Lottomatica – con il gratta e vinci (e giochi simili) incassa invece quella che è una tassa sulla povertà: l’illusione di una vincita quando ogni altra speranza è perduta. Questi gruppi però non sono i soli tra i giganti della nostra economia a guadagnare qui (o anche qui) e tenere la sede legale e fiscale altrove. E tra questi gruppi c’è la Ferrero, multinazionale che da molti anni ha portato la testa dei suoi affari in Lussemburgo. Proprio in questi giorni la società ha semplificato la sua galassia, assorbendo la Fsc Luxembourg (consulenze e servizi) nella Ferrero Trading Lux, fondata nel 1993 e controllata da un’altra lussemburghese, la Fervalue. Si tratta di uno degli snodi principali del gruppo, in quanto si occupa dell’intermediazione di tutti i prodotti alimentari prodotti da Ferrero, della gestione degli acquisti delle materie prime e degli imballaggi, come pure di fornire servizi alle altre società nel marketing, nella pubblicità e nella logistica.

FATTURATO DA 8 MILIARDI

Nel Granducato è domiciliata la holding di testa del gruppo, la Ferrero International, che nel 2013 (al 31 agosto) ha segnato un fatturato consolidato di 8,1 miliardi di euro, in progresso del +5,6% e un utile ante-imposte di 795 milioni, in calo del 9,5%, anche per le turbolenze valutarie. Il gruppo è formato da 73 società consolidate, con venti stabilimenti produttivi che servono oltre cento mercati e ha oltre 30.000 tra dipendenti e collaboratori.