Telenovela olimpica. Chiamparino spinge sulla candidatura a tre per i Giochi invernali 2026

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino, torna a chiedere a Coni e Governo di riconvocare il tavolo a tre sulle Olimpiadi del 2026. “Non ho davvero capito perché Giorgetti abbia fatto saltare il tavolo, visto che nessuno aveva posto condizioni ostative. Sa un po’ di pretesto, quindi penso che se c’è la volontà politica di farlo ci siano ancora i margini”, ha detto il presidente. Per Chiamparino è auspicabile che Coni e governo prendano questa iniziativa anche perché non crede che il Cio accetti come garanzia soldi dei privati.

“Questo, ha spiegato, farebbe diventare le Olimpiadi un business, un evento non più basato sullo spirito sportivo ma sugli interessi”. Poi Chiamparino ha ricordato che, perché una candidatura venga ufficializzata, se le regole non sono cambiate, non può prescindere da una lettera di garanzie del governo. La corsa a tre ai Giochi olimpici era stata affossata due giorni fa, poi ieri la sindaca di Torino, Chiara Appendino, aveva definitivamente detto no.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA