Terapie intensive al 13%. Sette Regioni superano la soglia critica. Occupato il 17% dei posti letto Covid nei reparti ordinari

Continua a salire, raggiungendo il 17%, il tasso di occupazione dei posti letto nei reparti ordinari da parte di malati Covid.

Il 13% dei posti letto in terapia intensiva, secondo l’ultimo monitoraggio dell’Agenas, è occupato da pazienti con Covid-19 e il tasso cresce in 7 regioni: Basilicata (arrivando al 3%) Calabria (15%), Campania (7%), Lazio (16%), Piemonte (16%), Sardegna (7%), Veneto (18%). Il tasso è, invece, stabile, ma comunque oltre la soglia del 10% (uno dei parametri per il passaggio in zona gialla), in Abruzzo e Emilia Romagna (13%), Friuli Venezia Giulia (15%), Marche (17%), Bolzano (18%), Toscana (14%). Si registra, invece, un calo nelle terapie intensive di Liguria (17%), Lombardia (12%), Molise (3%), Pa Trento (23%). Il tasso delle intensive il 17 dicembre scorso era al 10% (leggi l’articolo).

REPARTO RIANIMAZIONE CENTRALE DEL POLICLINICO UMBERTO I

Continua a salire, raggiungendo il 17% a livello nazionale, il tasso di occupazione dei posti letto nei reparti ordinari da parte di malati di Covid-19. Il valore, in questo caso, cresce in 12 regioni: Abruzzo (al 13%), Basilicata (15%), Calabria (30%), Campania (15%), Lazio (17%), Lombardia (18%), Molise (11%), Piemonte (20%), Sardegna (9%), Toscana (11%), Umbria(17%), Veneto (19%). È in calo, sempre secondo quanto riferisce il bollettino dell’Agenas, a Bolzano (16%) e Valle d’Aosta (28%). Ferme, ma oltre il 15% della soglia di allerta, Friuli e Marche (22%), Liguria (29%), Trento (18%), Sicilia (19%).

Secondo l’ultimo aggiornamento fornito dall’Agenzia nazionale per i Servizi Sanitari regionali, in Calabria continua a salire il tasso di occupazione dei posti letto nei reparti ospedalieri di area non critica da parte di pazienti Covid-19. Con un aumento giornaliero del 2% raggiunge infatti il 30%. Si tratta del valore più alto registrato attualmente in Italia, seguito da quello della Liguria, ferma al 29%, ovvero ben oltre la soglia critica del 15%.

Leggi anche: Impennata di nuovi casi (+80,7%). Aumentano decessi, ricoveri e terapie intensive. Gimbe: “In 7 giorni crollano i nuovi vaccinati over 12 (-47,5%)”.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 09:12
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram