Terrore a Bruxelles. La testimonianza di Salvini: “Stavo arrivando lì ma ci hanno bloccato. Non è possibile vivere sotto il ricatto dei folli”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Stava arrivando anche il segretario della Lega, Matteo Salvini, all’aeroporto di Bruxelles dove c’è stato un attacco terroristico. “Io stavo arrivando lì ma ci hanno bloccato, tutto evacuato”, scrive Salvini su Facebook, “Sto bene (a qualche scemo dispiacerà) e torno in ufficio. Non è possibile vivere sotto il ricatto dei violenti e dei folli. Io non mi arrendo, io non ho paura. Una preghiera per le vittime”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA