Terrorismo anche in Belgio. Due morti e un ferito in un’operazione della Polizia. Erano jihadisti rientrati dalla Siria. Stavano progettando un attentato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Due jihadisti uccisi. Un terzo ferito. Un quarto uomo catturato nei pressi di una stazione della metropolitana. Numerosi colpi d’arma da fuoco. Alcune esplosioni e una nazione, il Belgio, in subbuglio. Tutto questo è successo ieri a Verviers, vicino a Liegi non lontano dal confine con la Germania. Tutto è cominciato ieri pomeriggio. Un video mostra quello che sembra l’assalto delle “teste di cuoio” in una ex panetteria nelle vicinanze della stazione. All’interno del locale ci sono delle fiamme, presumibilmente divampate dopo il lancio di bombe a mano. Si ascoltano numerosi spari, deflagrazioni, voci concitate degli agenti. Tutto ripreso in lontananza, dalla finestra di un palazzo di fronte. I testimoni: agenti “ci hanno detto “correte”. Poi abbiamo udito spari ed esplosioni”. Secondo una ricostruzione della Procura di Bruxelles, i tre jihadisti che si trovavano nella panetteria di Verviers hanno aperto il fuoco con armi automatiche e kalashnikov contro le forze speciali che si sono avvicinate alla porta. E avrebbero avuto anche esplosivi. Ma per fortuna, non ci sono vittime tra le teste di cuoio.

LA SVOLTA
I media belga hanno parlato di indagini legate alla sorveglianza di terroristi rientrati dalla Siria e tenuti sotto sorveglianza. Intercettati, avrebbero detto di stare programmando attentati a Bruxelles. Parole poi confermate dai magistrati che indagano sulla maxi-inchiesta antiterrorismo che sarebbe estesa in gran parte dell’Europa. Proprio nella capitale belga è in corso una vasta operazione condotta dalle unità anti-terrorismo della polizia federale. Non solo. Le operazioni contro la jihad, che si stanno svolgendo in Belgio, riguardano sette Paesi europei e lo Yemen.

I DISORDINI
Come se non bastasse, un terrorista è stato arrestato sempre a Bruxelles, nella vicinanze della stazione metro di Ribancourt. Gridava “Allah Akhbar”. Invece ad Anderlecht, (un quartiere a Sud di Bruxelles), durante un’operazione della polizia belga, che ha fatto irruzione in un palazzo, è stato trovato dell’esplosivo.