Terrorismo, torna la paura in Belgio. Blitz nella notte: fermate 12 persone. “Stavano preparando un attentato e avevano i mezzi per farlo”

dalla Redazione
Mondo

Il timore attentati è tornato a farsi sentire in Belgio dove questa notte sono state fermate 12 persone. Il sospetto è che stessero preparando un attentato. Gli arresti nela notte in Vallonia e nelle Fiandre, nella regione di Bruxelles. Circa 40 le perquisizioni nella Capitale anche se da quanto si apprende non sono state trovate “né armi né esplosivi”, secondo quanto detto dall’ufficio del procuratore federale in un comunicato.

La BmfTv ha spiegato che il blitz ha riguardato alcune persone erano controllate e monitorate da giorni dalla squadra antiterrorismo perché ritenuti membri di una cellula che aveva la volontà, ma soprattutto i mezzi per commettere attacchi. L’accelerazione all’operazione preventiva sarebbe stata data da un’intercettazione in cui si faceva riferimento ad attacchi imminenti nella capitale del Belgio.

Dalle prime informazioni provenienti dal Belgio si è venuto a sapere che probabilmente l’attentato era previsto per oggi in coincidenza della seconda partita della nazionale belga ad Euro 2016 contro l’Irlanda. Oggi, infatti, anche nella capitale belga sono stati installati maxischermi per strada per seguire la nazionale. Ed è quindi prevista molta gente per strada. Nonostante il blitz l’allerta resta massima.