Tommaso Montesano, chi è il giornalista di Libero figlio di Enrico?

chi è Tommaso Montesano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tommaso Montesano, chi è: il giornalista di Libero, figlio dell’attore Enrico Montesano, è stato travolto da un terremoto politico e mediatico dopo un recente tweet negazionista.

Tommaso Montesano, chi è il giornalista di Libero figlio di Enrico?

Tommaso Montesano è un giornalista che lavora per Libero, il quotidiano fondato da Vittorio Feltri e diretto da Alessandro Sallusti.

Per quanto riguarda la vita privata dell’articolista, le informazioni risultano essere particolarmente scarne. Si sa, tuttavia, che Tommaso Montesano è nato il 17 marzo 1971 ed è figlio dell’attore Enrico Montesano e della sua prima moglie, Tamara Moltrasia. La coppia ha avuto tre figli: la primogenita Lavinia, Tommaso e, infine Oliver.

Il giornalista, regolarmente iscritto come professionista all’ordine del Lazio nel 2004, ha attirato su di sé l’attenzione mediatica e politica per un recente tweet negazionista postato sul suo account.

Il tweet negazionista di Tommaso Montesano, la reazione di Libero

Nella giornata di martedì 8 febbraio, il giornalista ha pubblicato un tweet che riportava la seguente constatazione: “Le bare di Bergamo stanno al Covid 19 come il lago della Duchessa sta al sequestro Moro”.

In questo modo, Tommaso Montesano ha paragonato il caso del falso comunicato delle Brigate Rosse durante il sequestro Moro ai morti causati dalla pandemia durante la prima ondata del 2020.

Le affermazioni del cronista, che già in passato aveva mostrato di condividere le teorie negazioniste e no vax del padre Enrico Montesano, hanno destato scalpore e indignazione non solo tra l’opinione pubblica ma anche ai vertici di Libero. Il giornalista, infatti, rischia l’espulsione dal quotidiano.

A questo proposito, il Comitato di redazione del quotidiano Libero ha diramato una nota ufficiale per dissociarsi dalle parole dell’uomo, asserendo: “Il Comitato di Redazione si dissocia dagli interventi con i quali un collega nella sostanza nega una correlazione tra la foto simbolo delle bare di Bergamo e il Covid. E si scusa con le famiglie delle decine di migliaia di persone che hanno perso la vita a causa della pandemia. Si possono avere le idee più diverse su vaccini e Green pass, ma le teorie negazioniste sono quanto di più lontano dai valori dei giornalisti di Libero”.

La nota del direttore Antonio Sallusti

Sulla vicenda, si è espresso anche il direttore Alessandro Sallusti che ha condiviso una breve ma significativa nota, dichiarando: “In merito alle vergognose parole del giornalista di Libero, Tommaso Montesano, sui morti di Covid a Bergamo ho chiesto all’azienda di valutare se esistono o presupposti per il licenziamento per colpa grave e, comunque nell’attesa, la sospensione immediata di Montesano”.