Tra collassi e lussazioni. La maledizione di Spadolini aleggia ancora sul Senato. Nel superstizioso mondo dello spettacolo in molti ormai temono i premi della politica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Esiste o non esiste la maledizione del Senato? Non è come ai tempi della riforma Renzi-Boschi, quando i voti in aula furono funestati da una serie impressionante di accidenti, occhi bendati (Maurizio Sacconi), braccia ingessate (Roberto Calderoli), collassi tra i banchi (Consiglio Nunziante, Lega), cadute con lussazioni (Laura Bianconi, Ncd) e febbroni da cavallo (memorabile Karl Zeller, Svp). Ma a Senato&Cultura le vittime sono già due: Zeffirelli e Morricone, entrambi premiati dalla Casellati come “eccellenza italiana”.

Il primo è scomparso nel giugno 2019, due mesi dopo la cerimonia. Il secondo, premiato a gennaio 2020, ha resistito sei mesi. Si disse, ai tempi di Renzi, che a colpire era la maledizione di Spadolini, sicuramente contrario (anche dalla tomba) alla riforma ammazza-Senato. Qualcuno rispolverò, in alternativa, la leggenda del tempio massonico (menagramo) su cui sarebbe costruito il palazzo.

In ogni caso, nel superstiziosissimo mondo dello spettacolo molti ormai temono i premi della Casellati: d’accordo che Lina Wertmuller, premiata a maggio, gode di ottima salute, come la bravissima Carla Fracci, 84 anni, omaggiata di settembre (leggi l’articolo); ma visto che non c’è il due senza il tre, tra i possibili premiandi di sesso maschile la parola d’ordine è scaramanticamente una sola. Defilarsi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA