Trend alimentari. Boom di diete gluten free: tutti celiaci per moda. Ma così ci sono seri rischi per il cuore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ormai è solo una moda. Sono sempre di più gli italiani che scelgono la dieta gluten free, non perchè reamente celiaci o intolleranti al glutine ma solo perchè convinti di dimagrire o tenersi meglio in forma. Però eliminare o ridurre il glutine nell’alimentazione se non si ha nessuna forma di sensibiltà al prodotto è pericoloso anche per il cuore, avvertono gli scienziati, può essere addirittura letale. Un nuovo studio dell’Università di Harvard mostra, infatti, che questa demonizzata proteina in realtà protegge cuore e arterie dai danni e dalle malattie correlate. Per arrivare a questa conclusione, gli autori hanno monitorato, per ventisei anni, l’alimentazione e lo stato di salute di un vasto campione di uomini e donne senza problemi di allergie alimentari.

Dai risultati della ricerca è emerso che quelli che seguivano una dieta quasi priva, oltre che di pane e pasta, di cereali integrali, avevano molti più rischi di incappare in malattie del cuore rispetto a chi aveva uno stile alimentare maggiormente ricco di glutine. Precisamente, nei primi l’incidenza di infarti e patologie coronariche era di 352 casi per ogni 100mila individui rispetto a 277 nel secondo gruppo. Il perché è presto detto. I cereali integrali, tra cui orzo, farro, quinoa, sono ricchi di fibre, minerali e nutrienti importanti per la salute del cuore, per cui privarsene provoca alla lunga danni irreversibili. Anche alle ossa, come dimostra l’ultima ricerca sull’argomento. Secondo  l’Aic (Associazione Italiana Celiachia) sono sei milioni gli italiani che consumano cibi per celiaci senza essere intolleranti. E questa moda può mettere gravemente a rischio la loro salute.